Cerca

News

Clamoroso alla Ternatese. Donato Lacerenza si dimette da presidente: «Il Comune avrà sulla coscienza novanta atleti»

Al quarto anno di presidenza il numero uno del club varesino sbatte la porta. Che succederà adesso alla società?

Donato Lacerenza

Donato Lacerenza (al centro nella foto) durante l'evento in cui ha devoluto in beneficienza il ricavato della Summer Cup

Notizia clamorosa dalla Ternatese dove nella mattina di oggi (mercoledì 14 luglio) il presidente Donato Lacerenza ha formalizzato le proprie dimissioni dalla carica di presidente. Il motivo sta tutto nella diatriba con l'amministrazione comunale che, a detta di Lacerenza, non avrebbe mantenuto le promesse fatte a cominciare dalla messa a norma dell'impianto di Via Volta. «Sono arrivato al punto di lasciare perché non voglio rischiare di mio. Ho denunciato una situazione non a norma ma non ho ottenuto risposte. Penso di uscirne a testa alta: avevo detto tutto quando chiedevano i voti in campagna elettorale, mi avevano promesso gli interventi ma non è stato fatto nulla». 

Lacerenza poi entra nel dettaglio dei lavori di ammodernamento fatti dal club sotto la sua gestione: «Abbiamo messo a posto il bagno dei disabili, tolto l'eternit e installato le lampade di emergenza. In cinque anni abbiamo speso 115.000 euro e il Comune ce ne ha dati 16.000, e ci ha fatto pure pagare l'IMU». Il punto di rottura è stato nelle scorse settimane: «Mi dicevano che non c'erano soldi per noi e poi hanno speso 40.000 euro per il campetto al centro anziani. Allora è chiaro che ci hanno preso in giro». 

Quale sarà il futuro della Ternatese, al momento, è un grosso punto di domanda. Il Comune, a quanto trapela, potrebbe addirittura chiudere il campo (cosa logica visto che non è a norma) e di fatto far cessare l'attività a una società che è tra le più anziane di affiliazione. Chiudere una società che ha rappresentato tanto per il territorio e che negli ultimi anni - grazie alle scelte di Lacerenza di dedicarsi solo al settore giovanile - è riuscita a distinguersi per l'organizzazione della Summer Cup, torneo che ha portato nel 2018-2019 le società professionistiche di tutta Italia nella categoria Pulcini. Un torneo che, dopo i due anni di sospensione per il Covid, avrebbe dovuto ripartire nel 2022. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400