Cerca

News

Antonio Cacciatore lascia la Scuola Calcio dell'Aurora Induno dopo vent'anni

L'ex allenatore delle Rappresentative di Varese ha annunciato la separazione dal club indunese

Antonio Cacciatore

Grande esperienza per Antonio Cacciatore nei campi della Scuola Calcio

Dopo l'addio di Ambrogio Baj dei mesi scorsi l'Aurora Induno perde un altro pilastro. Antonio Cacciatore, l'istruttore che nei suoi vent'anni consecutivi è stato il primo ad "accogliere" nel club chi si avvicinava al calcio, ha annunciato la propria uscita di scena dal club indunese con un post su Facebook. 
Un addio per molti versi inaspettato e, per questo, capace di fare più rumore. «Purtroppo non c'erano più le condizioni per andare avanti e allora era il momento giusto per fermarsi. Dispiace perché erano state programmate delle cose e poi nel giro di pochi giorni sono state cambiate. Settimana scorsa ho presenziato all'open day dei piccoli, non mi è stato detto nulla dalla società e allora ho comunicato che non ci sarei più stato», il pensiero dell'ex allenatore indunese. Nei due decenni l'opera di Cacciatore con i Primi Caclci e i Pulcini è stata notevole sia per il lavoro con i giocatori che per il coinvolgimento delle famiglie. Un addio che si porta dietro, ovviamente, tanta delusione; probabilmente anche maggiore di quella dello scorso gennaio quando arrivò la mancata conferma come componente della Delegazione di Varese dove - nella lunga militanza - le soddisfazioni a livello personale sono state tante con le Rappresentative Juniores, Allievi e Giovanissimi (un titolo, una finale persa e due semifinali). «In Delegazione ho assorbito la delusione in modo più rapido perché ero un po' defilato, qui invece fa più male perché ero impegnato in prima persona e ci ho messo più volte la faccia». 

In casa Aurora Induno, adesso, dopo il consiglio che dovrebbe portare Roberto Masini alla presidenza della sezione calcio, si apriranno giorni di riflessione per individuare chi raccoglierà l'eredità di Antonio Cacciatore nel comparto della Scuola Calcio. Difficile che in casa possa esserci un profilo già pronto e allora al responsabile Maurizio Bruno non resterà che guardare altrove: ma in questo momento, con la stagione pronta a ripartire, non sarà semplice trovarne uno. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400